Cisti della puleggia

E' rappresentata da una formazione ovoidale della dimensione di circa un centimetro che compare solitamente a livello palmare alla base di un dito.

La cisti origina solitamente dal tratto prossimale del canale di scorrimento dei tendini flessori e precisamente da un'ispessimento del canale stesso, definito come puleggia di riflessione.

La cisti, non originando direttamente dai tendini flessori, non si muove con la flessione del dito. Il paziente può riscontrare la presenza della cisti occasionalmente, senza accusare dolore alla palpazione, oppure accorgersi della presenza della cisti per la comparsa di una modesta dolenzia durante la prensione di oggetti che comprimono la faccia palmare della base del dito.

La cisti, di consistenza duro-elastica, può aumentare progressivamente di volume fino a diventare visibile sottocute.


Il trattamento chirurgico, quando le dimensioni e i sintomi lo giustificano, viene eseguito in anestesia locale ed in regime ambulatoriale e consiste in una piccola incisione praticata sulla proiezione cutanea della cisti che viene rimossa insieme ad una piccola porzione di puleggia. È fondamentale l’ausilio della tecnica microchirurgica e dei mezzi ottici di ingrandimento per salvaguardare l’integrità dei rami nervosi digitali necessari per la sensibilità del dito e per garantire un’adeguata radicalità chirurgica che evita il rischio di recidive.


Dopo l’intervento si deve muovere subito la mano, ma è bene evitare sforzi per 10-15 giorni. È consigliabile effettuare fisiokinesiterapia mirata post-chirurgica per accelerare i tempi di recupero. Si può riprendere il lavoro dopo 7-10 giorni nel caso di lavoro di concetto, dopo circa 20 giorni nel caso di lavoro manuale pesante.